CASERTA – Prosegue la  Rassegna di Spettacoli per le Famiglie “ A Teatro con Mamma e Papà”  al Teatro Comunale “C. Parravano” di Caserta giunta alla sua XV Edizione, organizzata e promossa dalla Compagnia teatrale La Mansarda Teatro dell’Orco , direzione artistica di Roberta Sandias, con il patrocinio del Comune di Caserta, il Teatro Pubblico Campano e il Teatro Comunale di Caserta.

Domenica 26 Novembre , alle ore 11.00, la Compagnia teatrale Arterie Teatro di Molfetta presenta lo spettacolo “ Il Giornalino di Gianburrasca ! “, liberamente ispirato all’opera di Vamba. La trama è molto divertente :Conoscete Gian Burrasca?

Si, proprio lui, Giannino Stoppani, un fanciullo tanto discolo quanto spontaneo che racconta le sue avventure in un giornalino ricevuto in dono dalla sua mamma per il suo compleanno.

Il fanciullo lotta instancabilmente contro un mènage familiare fatto di forma e tranquillità. Ed è proprio ciò  che vuole sconfiggere, architettando piccoli scherzi, burle, giochi che gli adulti si ostinano a non comprendere e a catalogare come monellerie.

I suoi scherzi spiritosi non risparmiano neanche la scuola, la campagna e il collegio e ad accogliere fra le sue pagine avventure e disavventure del piccolo Gian Burrasca è proprio il suo amato giornalino a cui confida gioie e sofferenze perché nessuno apprezza le buone intenzioni con cui mette in atto i suoi scherzi.

In un crescendo di situazioni e marachelle, in un percorso catartico, Giannino riuscirà a diventare diverso da quello che è? Riuscirà a riscattarsi?

La sua energia, la sua positività, il suo ingegno indurranno tutti i convittori del collegio Pierpaoli a lottare contro i soprusi perpetrati ai danni dei ragazzi, riscattando e facendo trionfare i diritti dei bambini!

Chi non è mai stato almeno una volta nella vita un piccolo “Gian Burrasca?”

E allora….uno spettacolo per godere dell’universo bambino apprezzandone la sua spontaneità, la voglia di libertà, di gioco, la fantasia, il coraggio di dire la verità, far trionfare la giustizia e sorridere del mondo degli adulti”.

“Caro giornalino mio, mi restano ancora tante pagine da scrivere…del resto si sa, la mia vita è un romanzo ma credo proprio che le righe più belle siano queste: Viva la libertà! Viva i Bambini!”

lascia un commento