NAPOLI – In scena all’Orto Botanico di Napoli, sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre (ore 11) Nel regno di Oz lo spettacolo che Giovanna Facciolo trae dal romanzo di Lyman Frank Baum. Tra i titoli più amati prodotti dall’Associazione I Teatrini e dall’Università degli Studi Federico II per il giardino napoletano, ritorna per poche repliche nella rassegna Fiabe d’Autunno, 22° edizione realizzata con la Regione Campania, il Comune di Napoli,  in collaborazione con La Scena Sensibile.

Nella rilettura itinerante di Giovanna Facciolo, gli attori Adele Amato de Serpis, Alessandro Esposito, Monica Costigliola, Valentina Carbonara, danno vita alle avventure della piccola Dorothy e dei suoi compagni, ovvero lo Spaventapasseri senza cervello, il Boscaiolo senza cuore ed il Leone senza coraggio (costumi e oggetti di scena sono di Anna Radetich). Sono i protagonisti, insieme agli spettatori, di una avventura senza tempo, che “all’incertezza del futuro, contro le macchinazioni di perfide streghe e le lusinghe di grandi presunti maghi”, contrappone la forza dell’onestà e del coraggio, premiato alla fine solo grazie alla virtù ed alla tenacia di tutti, attori e pubblico. “In questo spettacolo – scrive in una nota la regista Giovanna Facciolo – i ragazzi si fanno partecipi di un percorso di crescita. Si parte con la mancanza di qualcosa che spinge i protagonisti a cercare, a ritrovare o a conquistare parti di sé importanti per sentirsi un po’ più felici. E per fare questo bisogna camminare, muoversi tra le piante, dunque crescere”. Il carattere itinerante della messinscena permette al pubblico di interagire con i famosi personaggi del libro di Lyman Frank Baum, in un luogo dove la natura si impone, mescolandosi agli eventi teatrali.

Le fiabe all’Orto Botanico sono ormai un appuntamento atteso, sia nella programmazione autunnale che in quella primaverile, per migliaia di persone, adulti e bambini, che ritrovano, a contatto diretto con la natura, momenti di gioco e di studio entrando in relazione attiva con personaggi e storie che appartengono alla nostra cultura ed alla nostra civiltà.

La rassegna, fino al 19 novembre, propone ancora gli spettacoli L’al­­bero del sole da Andersen (sabato 7 e domenica 8 ottobre),  Artu’ e Merlino ( sabato 14 e domenica 15 ottobre), Gli alberi di Pinocchio da Collodi (sabato 21 e domenica 22 ottobre), Un brutto anatroccolo (ancora da Andersen, in scena sabato 28 e domenica 29 ottobre ed ancora poi il 4,5, 11 e 12 novembre) per concludersi con la Festa dell’ Albero 2017 (sabato 18 e domenica 19 novembre), evento speciale dell’Orto Botanico di Napoli.

lascia un commento