NAPOLI – Ancora una settimana di tempo per presentare la propria candidatura alla selezione locale Napoli di FAMELAB ITALIA, il talent show della scienza promosso dall’ente culturale britannico British Council, con il coordinamento su base nazionale in Italia di Psiquadro di Perugia. Basterà inviare una email a napoli@famelab-italy.it entro venerdì 2 marzo 2018 (regolamento e modalità di partecipazione su www.famelab-italy.it) per accedere alla giornata di selezione a cura di Le Nuvole/Casa del Contemporaneo in collaborazione con INAF Osservatorio Astronomico di Capodimonte e Fondazione Idis/Città della Scienza in programma presso l’auditorium “Ernesto Capocci” dell’Osservatorio in Salita Moiariello venerdì 9 marzo 2018 ore 20.00. Il progetto intende coinvolgere giovani scienziati e ricercatori, oltre che il grande pubblico, sull’importanza della divulgazione in ambito scientifico con mezzi semplici ma efficaci e di forte impatto.

Protagonisti del progetto sono 31 paesi tra Europa, Asia e America; in Italia, oltre a Napoli, altre 8 città (ovvero Ancona, Catania, L’Aquila, Modena, Padova, Perugia, Foggia e Trieste) ospiteranno le selezioni locali da cui usciranno i 18 partecipanti (2 per ciascuna selezione) alla Finale Nazionale in programma in aprile a Roma dove sarà designato il campione italiano che volerà alla finale internazionale durante il Cheltenham Science Festival, nel Regno Unito, nel mese di giugno. Alla presenza di una giuria composta da esperti del settore della scienza e della comunicazione, ma anche dinanzi al pubblico in sala, i concorrenti – ricercatori o studenti tra i 18 e i 40 anni – saranno chiamati a presentare in 3 minuti di tempo un argomento a carattere scientifico utilizzando unicamente la propria voce ed il proprio corpo. Lo scopo sarà risultare affascinanti e coinvolgenti oltre che comprensibili anche per il grande pubblico. Ai primi due classificati, oltre al diritto di accesso alla finale di Roma, sarà assicurata anche la partecipazione ad una masterclass sulla comunicazione della scienza.

La ricerca scientifica, la comunicazione della scienza e la percezione pubblica della scienza concorrono in egual misura a costruire un’economia basata sulla conoscenza, capace di creare lavoro vero e di qualità oltrechè maggiore coesione sociale. Per questo, da anni, Le Nuvole si interessa di metodologie per la formazione dei comunicatori scientifici e dell’interazione teatro-scienza nel rapporto scienza-società. E così anche la data della selezione Napoli di Famelab giunge a conclusione di CO_scienze un progetto di formazione ed aggiornamento per docenti sulle modalita’ innovative per comunicare la scienza che Le Nuvole ha realizzato nel mese di gennaio e febbraio sempre in collaborazione con INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte.

È la prima volta che l’Osservatorio di Capodimonte partecipa a FameLab –afferma Marcella Marconi, direttrice dell’INAFOsservatorio Astronomico di Capodimonte, ma si sente a proprio agio in questo tipo di iniziative che mirano ad avvicinare, incuriosire e interessare all’astronomia e alle conoscenze scientifiche, in generale, il vasto pubblico delle scuole, delle famiglie e degli appassionati. La diffusione della cultura scientifica e la divulgazione delle conoscenze astronomiche sono tra gli obiettivi a cui l’Osservatorio dedica da sempre grande attenzione sia in ambito locale che nazionale e internazionale. Tutte le forme di coinvolgimento tra le complementari sensibilità scientifiche, umanistiche e artistiche sono elementi che consentono di interagire con i diversi fruitori del sapere e disseminare il gusto per l’astronomia “la più sublime scienza che abbiano inventato gli uomini”.

“Famelab – conclude Salvatore Fruguglietti, responsabile progetti scientifici de Le Nuvole  è una competizione vera, dove fra i concorrenti si percepisce alta la tensione, che riesce a trasformarsi in comune interesse e curiosità, data l’universalità degli argomenti trattati, senza dimenticare che – per chi ha l’opportunità di parteciparvi – la Masterclass pre-finale è un’esperienza formativa decisamente fuori dal comune e di alto profilo professionale internazionale”.

lascia un commento